Cavese-Taranto, le pagelle: Taranto bocciato alla “maturità”!

Pellegrino 6,5
Attento quando è stato chiamato in causa. Incolpevole sul gol.
Bilotta 5,5
Primo tempo in affanno, Gorzegno (classe ’81) spinge sulla sua fascia. Sbaglia appoggi semplici. Nella ripresa meglio, ma abbiamo bisogno di un terzino destro di ruolo.
Miale 5
Non chiude tempestivamente su Fella dandogli tempo e spazio per calciare in rete la palla della vittoria. Qualche errore nel disimpegno.
D’Aiello 6
Avessimo 11 giocatori col suo temperamento vinceremmo tutte le partite
Li Gotti 6
Non sarà un fenomeno però è in crescendo nelle prestazioni
Galdean 5
Non una bella partita del rumeno, ma in generale è tutto il centrocampo che non ha girato a dovere
Capua 5,5
A corto di condizione, non ha più di 45′ nelle gambe. Esce per Corso all’inizio della ripresa.
Palumbo 5,5
Non è mai troppo appariscente. Oggi meno che nelle precedenti occasioni.
Crucitti 5,5
Dopo ormai sette-otto gare possiamo dire che il ruolo del trequartista non gli si addice. Partita abulica ma il piede c’è e le uniche due occasioni del secondo tempo sono il suo palo su punizione e l’assist al bacio per Aleksic che il serbo sbaglia clamorosamente.
Diakite 5,5
Paga l’atteggiamento troppo attendista della squadra nel primo tempo. Non servito a dovere, gioca solo di sponda per i compagni. Esce per infortunio nella ripresa.
Pera 5
Troppo lontano dalla porta per pungere. Rincorre palloni e avversari, innocuo.
Corso 5,5
Entra per Capua con la Cavese ormai arroccata in difesa del pari. Cambi obbligati, a meno che non si voglia schierare un under in più.
Aleksic 5
Sbaglia un gol che un attaccante non può sbagliare. Non è la prima volta.

Giorgio
entra nel finale Sv

Cazzarò 5,5
Era un esame di maturità, il risultato boccia la sua squadra che pecca in personalità. Partita comunque equilibrata, forse il pareggio sarebbe stato più giusto. Squadra troppo lontana dalla porta e praticamente mai pericolosa nel primo tempo. Nella ripresa, sotto di un gol c’è stata la reazione, poteva scapparci il pareggio, in due occasioni clamorose. Per i propositi di rimonta, sconfitta non salutare, mitigata dal pari del Potenza. Ora a quattro turni dal giro di boa, servono 12 punti, fattibili, visto cosa c’è in giro e, chance importantissima, il Potenza allo Iacovone alla penultima. Poi il mercato, per ulteriori innesti (un terzino destro e un trequartista) e un ritorno con tutte le squadre che ci precedono in casa, tranne il solo Potenza.

La squadra avversaria: la Cavese 6,5
Per il Taranto non è mai facile giocare a Cava e si sapeva. Squadra che ha fatto la sua onesta partita vincendo senza rubare nulla, complice un Taranto non ancora all’altezza di certe sfide. Vince nonostante assenze importanti, rilanciando prepotentemente la propria candidatura al primo posto.
Il migliore in campo il terzino destro Lame, un ’98, a testimoniare l’importanza di avere under di livello.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...