Aldo Monza: “Taranto l’esperienza più emozionante in carriera.”

Abbiamo contattato Aldo Monza, mitico mediano e capitano del Taranto nel biennio 2000-02.

Mister buongiorno, domenica a Taranto arriva la Turris, contro la quale nel 2000 segnasti il gol del pareggio finale con una bomba da fuori area sotto l’incrocio dei pali:

“Ricordo che si giocava sotto la pioggia, raccolsi una respinta della difesa avversaria e calciai di prima intenzione verso la porta. La palla entrò proprio sotto l’incrocio. Ricordo l’emozione e l’esultanza in scivolata sotto la gradinata”

gennaio5-Che ricordi hai di quella stagione?

“Mi chiamò Pieroni e mi disse che a Taranto c’erano 20mila persone in piazza a festeggiare il ripescaggio in C2 e mi chiese la disponibilità ad incontrarci. Una cosa che mi è rimasta impressa e che ha pesato favorevolmente sulla mia decisione di sposare il progetto. Non iniziammo benissimo, Buso fu esonerato ed arrivò Silva. Avevamo comunque una grande squadra. Vincemmo il campionato a Castellammare e ricordo ancora il serpentone di auto al rientro, mentre in autogrill a Potenza non riuscii a mettere piede a terra per l’entusiasmo della gente.”

-L’anno dopo però le cose andarono diversamente…

“L’anno seguente perdemmo la finale col Catania, un campionato che avremmo meritato di vincere. Avevamo una squadra fortissima e un pubblico fantastico. Il mio rimpianto è di non aver potuto giocare la finale a causa dell’infortunio rimediato a Lanciano. All’andata a Catania forzai e questo peggiorò la situazione”

-Cosa pensi della C attuale

“Il calcio è cambiato rispetto a quando giocavo ma quella C1 aveva un livello decisamente superiore a questa serie C”

-Qual è invece il ricordo della città e della tifoseria

“A Taranto mi sono trovato benissimo, la tifoseria straordinaria, ho sempre detto che sembrava di giocare in A. Sicuramente l’esperienza più emozionante in carriera.”

-Cosa sai delle vicende attuali del Taranto

“Seguo sempre tutto del Taranto, so delle vicissitudini degli ultimi anni. Credo che al Taranto sia mancata la continuità societaria, ora c’è Giove che conosco benissimo visto che era presidente anche negli anni in cui c’ero io. È uno che sa di calcio e conosce l’ambiente. Taranto è una piazza importante ed esigente.”

-Com’è andato il campionato con la tua Caronnese

“Siamo terzi in classifica e faremo i playoff. Gli infortuni di un paio di titolari durante la stagione ci hanno precluso la lotta al primo posto”.

-Grazie mister, un saluto finale per i tifosi rossoblu

“Abbraccio tutti e sempre forza Taranto”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...