30 anni fa…

12-6-88 Taranto Padova 1-1

Campionato di serie B penultima giornata. Il Taranto affronta in casa il Padova. La situazione di classifica obbliga i rossoblu a cercare la vittoria per centrare la salvezza anticipata. Infatti nell’ultima di campionato si andrà all’Olimpico contro la Lazio di Fascetti che presumibilmente dovrà vincere per centrare il ritorno in serie A.

La stagione non fu semplice, si giocò in un clima di tensione tra tifoseria e società, presieduta da Vito Fasano, a causa della cessione di Maiellaro al Bari, contestazione deflagrata definitivamente con la sconfitta in casa ad opera del Catanzaro alla 7a giornata. La prima vittoria arrivò solo all’11a contro il Messina di Scoglio, grazie ad una punizione di Dalla Costa. Nonostante la sofferenza per una classifica costantemente deficitaria, non mancarono le partite memorabili, non solo per il risultato finale.
Fu la stagione di uno scoppiettante Taranto -Lazio 3-3, con i rossoblu che chiusero il primo tempo avanti per 3-1, salvo farsi rimontare nella ripresa. Altro pareggio nel derby col Bari, 2-2 con gol in rovesciata di De Vitis e tiro al volo di Gridelli. Vittoria a Marassi col Genoa per 0-1 con gol di Dalla Costa, 1-0 anche sull’Udinese di Dossena, rete di Mirabelli al 90′, per l’unica vittoria in campionato di sempre contro i friulani, pareggio in rimonta da 2-0 a 2-2 a Padova con 3 gol in 7 minuti e il malore di mister Pasinato, 2-2 anche a Lecce con doppietta di Roselli e il mitico Triestina -Taranto 4-6.

Si arrivò dunque alla sfida contro i veneti con una classifica che vedeva il Taranto abbastanza tranquillo, in un campionato che prevedeva solo 3 retrocessioni per l’allargamento della A a 18 squadre:

Taranto e Samb 31
Modena 30
Barletta 29
Genoa 28
Triestina 26 (-5)
Arezzo 24 (già in C1)

Dunque la vittoria contro il tranquillo Padova avrebbe sancito la matematica salvezza, senza aspettare i risultati dagli altri campi. Il gol di Roselli dopo appena 10′ sembrò mettere in discesa la gara. Il Taranto però si adagiò sul risultato, speculando su quel gol iniziale con il ritmo tipico da partita di fine stagione. Il pari nella ripresa del Padova con l’ala destra Longhi fu la logica conseguenza e i rossoblu intimoriti terminarono la partita senza trovare il nuovo vantaggio, uscendo subissati dai fischi. Lo 0-0 tra Bari e Barletta e il gol subito dal Modena ad Udine al 90′ con lo scontro diretto dell’ultima partita tra gli stessi emiliani ed il Genoa, consegnarono comunque la salvezza al Taranto.
Così la classifica prima dell’ultimo turno:

Samb e Taranto 32
Barletta Genoa e Modena 30
Triestina 26 (-5 in C1)
Arezzo 25 (in C1)

Fu lo speaker dello Iacovone ad annunciare ai tifosi, che abbandonavano delusi gli spalti, la salvezza matematica. Un “timido” boato, se così si può dire, più liberatorio che di soddisfazione, partì spontaneamente, con il popolo rossoblu stanco dei soliti campionati di B senza ambizioni…
La domenica dopo passerella all’Olimpico, ospiti della festa laziale per la loro ultima, finora, partita in serie B.

Taranto:
Spagnulo Biondo Gridelli Chierici Serra Picci Paolucci (63′ Rocca) Roselli De Vitis Donatelli Russo (59′ Pernisco).
In panchina: Incontri D’Ignazio e Mirabelli.
Allenatore: Pasinato.
Padova:
Benevelli Donati Tonini Piacentini Da Re Ruffini Longhi (71′ Bellemo) Casagrande Fermanelli Valigi (71′ De Solda) Simonini. In panchina: Pelosin Russo e Vincenzi. Allenatore: Buffoni.
Arbitro: Acri di Novi Ligure.
Marcatori: 10′ Roselli, 49′ Longhi (Pa).
Spettatori 6000 circa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...